Intervista Esclusiva a Fiorella Mannoia

Written by on January 2, 2018

Mario Loreti ha condotto per Italia on Air un’intervista esclusiva a Fiorella Mannoia.

L’occasione nasce della promozione del prossimo show, il Live numero 101:

Parigi, Bruxelles… e il 23 febbraio sarai anche a New York. Ti senti accolta?

Assolutamente sì, non è la prima volta che suono all’estero e le volte in cui è successo mi sono sentita sempre a casa. Sai, quando suoni in un Paese che non è il tuo, per un pubblico che non è il tuo hai sempre paura che non venga a sentirti nessuno, invece per fortuna non è mai stato così.

Sei un’anima combattente ma anche indipendente: questo disco, uscito a novembre è un po’ una ricerca di indipendenza?

Sì, penso che tutti dovremmo cercare di essere un po’ piu’ indipendenti e combattere per cio’ a cui teniamo. La mia ricerca di indipendenza è iniziata già da quando ero bambina e spero di spronare molti ad essere autonomi.

Sei anche una che si espone molto…

Sì e mi piace farlo, anche se qualcuno ogni tanto mi dice che farei meglio a stare in silenzio. Parlare ed esprimere la propria opinione aiuta anche a mostrare personalità e mi piace che chi mi segue, ma anche chi non lo fa possa conoscere la mia opinione.

Sei interprete, attrice, conduttrice… mi ha colpito la tua interpretazione di “Che sia benedetta” a Sanremo. Quali differenze ci sono dal tuo punto di vista tra cantare e recitare?

Che bella domanda mi hai fatto! Per me, praticamente nessuna. Io quando canto mi immedesimo nel pezzo, mi aiuto col corpo, quando mi è stato chiesto di essere attrice credevo che non ne sarei stata in grado e invece ho scoperto qualcosa di nuovo su di me.

Com’è stato tornare a Sanremo dopo tempo?

Sanremo è un tritacarne: quel palco fa paura, provoca il terrore piu’ puro, dietro le quinte è sempre un’ansia anche perché non suoni per il tuo pubblico ma per milioni di spettatori che non sono li per te. Però è sempre una esperienza molto emozionante.

Sebbene sia arrivata dopo, che sia benedetta secondo te puo’ essere inserita in questo disco?

Mi è dispiaciuto che questa canzone sia arrivata dopo perché è il naturale proseguimento del disco. Avrei voluto inserirla ma a uscita già programmata non era possibile. Però sì, puo’ farne tranquillamente parte.

Com’è scriversi le canzoni? Hai interpretato tanto ma in questo disco ci sono anche 4 pezzi scritti da te… ad esempio “Se solo mi guardassi”, “In viaggio”…

Scriversi le canzoni vuol dire mettersi a nudo, per me fortunatamente è stato molto naturale… penso che ci riproverò.

Che rapporto hai con le tue canzoni vecchie? c’è chi non le regge piu’…

Le canzoni del passato fanno parte della mia storia e la gente le vuole sentire. Non capisco sinceramente chi si rifiuta di suonarle, io sono fiera di farle e le farò ancora, in fondo è anche per questo che la gente paga il biglietto.

Mario Loreti – Italia on Air – Italia

 


Reader's opinions

Leave a Reply


Italia on Air All Music

The Best Italian Music!

Current track
TITLE
ARTIST

Background